"Un film successivo di D'errico, intitolato Impressioni di vita n░1: ritmi di stazione, dieci minuti circa, realizzato nel 1933, tratta di una giornata del "mondo d'acciaio" che Ŕ una grande stazione ferroviaria. Ma il tono Ŕ leggero, a volte ironico o umoristico nella ricerca degli effetti ripetitivi che introducono la meccanizzazione del comportamento umano. La colonna sonora del film, che utilizza la musica di Gershwin, accentua la tonalitÓ di vitalismo ludico" (Giovanni Lista "Cinema e fotografia futurista" edizioni Skira)